• Separazione e divorzio affidamento dei figli, affari patrimoniali, responsabilità dei coniugi e tempistiche della causa.
  • Incidente stradale operazioni preliminari, valutazione dei danni patrimoniali e personali, gestione delle pratiche assicurative, risarcimenti.
  • Il mobbing come si affronta la costante dequalificazione professionale, come si gestisce l'emergenza relazionale?.


  • Separazione e divorzio affidamento dei figli, affari patrimoniali, responsabilità dei coniugi e tempistiche della causa.
  • Il mobbing come si affronta la costante dequalificazione professionale, come si gestisce l'emergenza relazionale?.
  • Incidente stradale operazioni preliminari, valutazione dei danni patrimoniali e personali, gestione delle pratiche assicurative, risarcimenti.


In caso di incidente stradale

Autore: Avv. Rosalida Trancucci

Quando succede un incidente stradale, anche se di lieve o media entità, spesso si rimane impressionati ed in preda al panico.
Innanzitutto, si deve mantenere la calma!
In caso di persone che sono rimaste ferite nell’incidente, anche se all’apparenza lievemente, chiamare il 118 e se non si ha una minima preparazione di primo soccorso, non muovere e non tentare di curare i feriti, poiché le loro condizioni potrebbero aggravarsi.

Se i veicoli coinvolti sono sulla sede stradale e se il luogo è poco visibile per conformazione ambientale o per l’illuminazione, cercate di segnalare l’ingombro ed il pericolo – a debita distanza – con gli appositi dispositivi, rimanendo al bordo della carreggiata ed indossando il gilet previsto dal Codice della Strada.

Chiamate la Polizia Municipale o altra Autorità che possa redigere un verbale dell’accaduto e per i rilievi.

Prima che arrivino le Autorità, se possibile, cercate di non spostare i mezzi coinvolti nell’incidente e se vi sono altre persone presenti cercate di ottenere i dati per eventuali testimonianze, segnalandoli anche all’Autorità che interverrà.

Se dopo aver causato l’incidente, uno dei mezzi si dilegua, è necessario annotare la targa ed il tipo di veicolo, al fine di effettuare delle ricerche per individuare gli eventuali responsabili.

Redigete il “Modulo di constatazione amichevole di incidente”, cosiddetto “C.A.I.”, indicando chiaramente le modalità del sinistro, la data, l’ora, ed il luogo. Servono inoltre i dati dei conducenti e dei proprietari degli autoveicoli, il modello e le targhe, le Compagnie di assicurazione ove i veicoli sono assicurati, il nome di eventuali testimoni e se non ci sono contestazioni sulla dinamica del sinistro e sulle responsabilità, al fondo deve essere apposta la firma delle parti coinvolte nel sinistro, nel caso di feriti devono essere indicate le generalità nel retro del modulo.

Qualora il modulo non venisse firmato da entrambe le parti ha comunque valore per la denuncia del sinistro alla propria Compagnia di assicurazione, che solitamente deve avvenire tempestivamente (possibilmente entro 3 giorni dall’accaduto), in quanto contiene tutti i dati necessari per rendere più rapida la procedura di risarcimento.

QUALCHE CONSIGLIO UTILE: Con i telefoni cellulari di nuova generazione, o se avete una macchina fotografica a portata di mano è consigliabile fare delle fotografie nell’immediatezza del fatto, proprio per rilevare la posizione ed i danni dei veicoli coinvolti, prima che vengano spostati, qualora creino grave intralcio.

Reperire i dati di eventuali persone presenti al fatto, per comunicarli alla Polizia Municipale intervenuta ed all’Assicurazione.

Tutto quanto sopra indicato è necessario per avviare la pratica di risarcimento del danno subìto (materiale, cioè all’autoveicolo, e/o fisico).
Il professionista incaricato potrà così inoltrare una richiesta di risarcimento con lettera raccomandata a.r., sia al proprietario dell’autoveicolo, sia alla sua Compagnia di assicurazioni.
Inizierà così una trattativa, stragiudiziale, con i liquidatori incaricati del sinistro. Qualora non fosse raggiunto un accordo sulla somma relativa ai danni subiti, verrà attivata la procedura giudiziale.

Descrivere in poche righe tutta la procedura relativa al risarcimento dei danni risulterebbe troppo complesso. Tuttavia, si deve evidenziare che sovente è necessario l’intervento di un professionista che sia in grado di districarsi nei complessi meandri della burocrazia attuata dalle Compagnie di Assicurazioni, che assumono atteggiamenti non sempre troppo limpidi.
Come noto alcuni operatori assumono atteggiamenti dilatori o pongono in essere tentativi di pagamento in misure minime, pressoché irrisorie, richiedendo la firma per quietanza al danneggiato.
Se proprio volete ricorrere al “fai da te”, non firmate mai nulla se non siete certi che l’offerta proposta sia il reale ammontare del risarcimento che Vi spetta.

Va evidenziato, inoltre, che le norme in materia sono numerose e complesse ed attualmente sono state notevolmente modificate e continuano ad essere in continua evoluzione.

Numeri telefonici utili: 112 Carabinieri; 113 Polizia; 115 Vigili del Fuoco; 116 Soccorso stradale ACI; 118 Soccorso Avanzato.

Comments are closed.

-->